lunedì 22 maggio 2017

INIZIO 7

È proprio questa la parte più complicata. Si pensa che le difficoltà arrivino col tempo, ma più vado avanti e più credo che la difficoltà più grande sia all'inizio.
Dobbiamo convincerci che non possiamo avere la sfera di cristallo e che non possiamo sapere in anticipo cosa succederà.
Dobbiamo trovare il coraggio di iniziare fidandoci di una semplice sensazione.
Dobbiamo però cambiare punto di vista e capire che quella sensazione è ciò che ci deve spingere a muoverci in avanti.
Ma dobbiamo in qualche modo fidarci di quella.
Il resto viene da solo.

consulenza.orientamente@gmail.com 

mercoledì 17 maggio 2017

INIZIO 6

La difficoltà del circoscrivere una sensazione sta nel fatto che dobbiamo essere in grado di riconoscerla. Questo non è sempre semplice anche perché le sensazioni hanno un modo molto particolare di manifestarsi e quasi tutte si manifestano nello stesso punto e quasi nello stesso modo. Quello che dobbiamo fare è stare attenti per poterle riconoscere. Dobbiamo essere pronti a capire le minime differenze per qualificare qualcosa di molto complesso. Dobbiamo essere così precisi nel prestare attenzione e nell'essere costanti che dobbiamo fare in modo che si crei un automatismo il più presto possibile.
Solo allora potremo dire che saremo pronti per iniziare.
D'altra parte per partire bisogna avere gli strumenti giusti.

consulenza.orientamente@gmail.com 

lunedì 15 maggio 2017

INIZIO 5

Come già avrete capito voglio andare a parare sul fatto che l'inizio di una qualsiasi attività è sicuramente la parte più importante.
Perché?
Semplice. Provate a fare qualsiasi cosa senza iniziare a farla. Non è possibile.
Voglio circoscrivere tutto questo perché dobbiamo essere consapevoli che questa cosa esiste e che possiamo identificarla in ciò che ci fa stare bene.
Inizio alle volte è negativo, ma non perché stiamo facendo qualcosa di brutto. Semplicemente perché stiamo per affrontare il momento più complesso e decisivo! Solo che, alle volte, ci troviamo a vivere negativamente anche quello che stiamo per fare dopo e così anche la cosa più bella del mondo diventa quella più brutta.
Pensate a quando state per fare per la prima volta quella cosa che avete inseguito per tutta la vita. In quell'attimo provate una sensazione.
Positiva o negativa c'è il rischio che influisca su ciò che abbiamo in mente e, se non riusciamo a circoscrivere questa sensazione in qualche modo, non possiamo vivere bene ciò che ci aspetta dopo.

consulenza.orientamente@gmail.com 

giovedì 11 maggio 2017

INIZIO 4

Io penso proprio che l'inizio sia il primo momento di liberazione.
Ma ho anche un'altra domanda.
Quanto dura l'inizio?
Mi spiego meglio. Può essere che l'inizio abbia una durata?
Non sono impazzito, sto solo cercando di capire come fare a circoscrivere un momento importante.
Perché circoscriverlo? Perché ci aiuta a riconoscerlo e, se sappiamo riconoscerlo, sappiamo anche come ricercarlo.
Su questo tema mi piace spendere un po' di tempo ed un po' di fantasia perché è quello da cui parte tutto e non ho intenzione di lasciarlo passare senza averci "giocato" un po'.

consulenza.orientamente@gmail.com 

lunedì 8 maggio 2017

INIZIO 3

Eccoci ancora qui a parlare dell'inizio di qualcosa.
La volta scorsa vi avevo lasciati con delle domande ed ho ricevuto delle risposte davvero interessanti, ma continuo a farmi quella domanda ed a chiedermi cosa ci rende così vulnerabili.
L'inizio ha del paradossale secondo me.
È quella cosa che non vedi l'ora di fare, ma allo stesso tempo che è in grado di terrorizzarti.
È incredibile ragionare sulle forze che entrano in gioco quando si parla di questo argomento.
A proposito. Che forze ci sono in gioco? Perché entrano in conflitto? Perché non riusciamo a vincerle così facilmente?
L'inizio ci dimostra che siamo vulnerabili, ma l'atto dell'iniziare non è forse già il primo momento di liberazione?

consulenza.orientamente@gmail.com 

mercoledì 3 maggio 2017

INIZIO 2

Quello che mi sono sempre chiesto è cosa rende così complesso l'inizio di qualcosa.
Non ho mai saputo rispondere a questa domanda, ma so per certo che nonostante tutta la preparazione e la buona volontà, quando ci si trova a dover iniziare qualcosa, si prova quella strana sensazione che molte volte ci frena.
Cos'è che ci rende così vulnerabili?

consulenza.orientamente@gmail.com 

lunedì 1 maggio 2017

INIZIO 1

Tra una cosa ed un'altra siamo arrivati a Maggio.
Come al solito cambio argomento ad ogni mese che passa.
Quello di cui mi piacerebbe discutere ora è ciò che io ho sempre reputato ciò che è più difficile da raggiungere. È uno degli obiettivi più impegnativi che mi sia mai trovato a fissare.
Sto parlando dell'inizio. Ed intendo inizio come la capacità di rendere concretezza ciò che abbiamo nella nostra testa.
Voglio partire da una domanda che vi lascio.
Quanto è difficile per voi, dopo aver pianificato tutto, essere in grado di dire: "ok, partiamo!"?

consulenza.orientamente@gmail.com